marco andrioletti marco andrioletti Scheda  Marco Andrioletti 2020
In the garden of the righteous (Nel giardino dei Giusti)
Home Biografia Video Ascolti Gallery Contatti L'Una e Cinque Vocal Project Press&web
I Giusti delle Nazioni sono migliaia di persone, di ogni razza, nazionalità e religione, ma di loro si sa poco perchè non hanno mai raccontato ..perchè per tutti è valso il principio che  "il bene va fatto senza divulgare".   Si è saputo di quanto avevano fatto e rischiato solo molti anni dopo, grazie alle testimonianze delle stesse persone che avevano salvato dalla deportazione, nascondendole, falsificando documenti e certificati.  L’idea del brano nacque dalla fotografia di un documento negli archivi del Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino, che l’amico  Claudio Mantovani mi inviò, documento che evidenzia in rosso che “ De Leon Michelina” è “di razza ebraica” Ho visto ore di documentari sulla Shoah, dove appaiono filmati agghiaccianti. L’immagine di quella che vedo come  “ una nonnina” (ho poi scoperto, si tratta di una anziana signora ungherese) picchiata da un militare nazista mi ha tormentato sin dal primo istante. Il quadro che ritrae una farfalla che vola sopra un filo spinato, mi è apparso  per caso e all’improvviso sulla pagina facebook di Orazio Geraci, un amico artista che è come se mi avesse letto nel pensiero. Di fatto si sono incontrati i nostri pensieri su ciò che è stato un dramma dell’umanità. L’opera intitolata La Farfalla di Terezin” rappresenta la sofferenza, la pace e la speranza, ed è dedicata a Liliana Segre, deportata, sopravvissuta e testimone.  La farfalla mi ha richiamato la figura di un angelo, e  angeli  erano i giusti delle nazioni e tutti quelli che hanno rischiato tutto per salvare altre persone.  Ho chiesto ad Orazio il  permesso di utilizzare questa sua opera come  immagine di copertina del brano, e me lo ha concesso con molta disponbilità. Ne sono veramente onorato  e lo ringrazio moltissimo.

Ringrazio anche: Claudio Mantovani, Gianfranco Montalto,  Fabio

Rosbuco e Andrea Ravizza per il loro determinante aiuto e

contributo.

Horacio Melendez per la sezione dei tromboni nel brano