1 - L’insistente

© Ass. Culturale Artes Media Project - Via Maria Vittoria 5 - 10123 Torino
Gilberto, il pianista di Jazset ama cucinare. Come improvvisa in musica, improvvisa anche nell’inventarsi piatti, insistendo fino a convincere chiunque a provarli. “l’insistente” è il nome di un suo piatto per una cena improvvisata una sera in occasione delle prove.

2 - Nulla è scontato

un tema melodico mediterraneo su un’armonia che non segue le aspettative.

3 - Dopo lungo tempo

il piacere di tornare a scrivere dopo una pausa obbligata per impegni e spostamenti.

4-Fuori dal finestrino

una trasferta in treno. Paesaggi, incontri casuali con altri musicisti. Immagini, interessanti discorsi e piacevoli confronti.

5-Echi lontani

il ritorno di un suono con un certo ritardo, in modo figurativo rappresenta il miglioramento. L’elaborazione torna all’inizio e riparte con ulteriore energia, seguendo un ciclo di sviluppo che non ha mai termine. .

6-Disequilibrio

7-Lacrime di coccodrillo

Una di quelle situazioni tipicamente musicali dove al momento sei convinto se non entusiasta di melodie, accordi e idee. Registri e riascolti il giorno dopo, e sei di parere opposto.
la bellezza è il risultato di un insieme ordinato di imperfezioni. Allo stesso modo gli accordi si susseguono alla ricerca di un equilibrio, con passi “consonanti e dissonanti”, creando un percorso. .

8-Bussa alla porta

“saper ascoltare ” è una caratteristica anche della musica d’insieme, dove “l’apertura” verso l’altro” è determinante nel creare un dialogo fatto di suoni e di note. .

9-La vecchia

la storia, la saggezza, la conoscenza; il passato per costruire il futuro. .

10-Very early

Un omaggio a Bill Evans, guida, esempio ed ispirazione.

11-Bonjour maman

un saluto a una mamma apparentemente lontana

13-Se fosse vero

uno scat nato casualmente che ha dato origine a un tema melodico. .

12-Badubù

Le aspettative e i percorsi per concretizzare sogni e progetti di qualunque tipo; “moti ascendenti e discendenti”. .

14-Very early

ulteriorire rielaborazione del brano di Bill Evans .
Postcards nasce da mesi di improvvisazioni, situazioni in cui, di volta in volta per riferirsi a un determinato brano, si ricorre a numeri, lettere o titoli a caso. Venne l'idea di adottare un sistema diverso:annotare sulle partiture frasi "catturate" mentre si parlava del brano stesso o prima di improvvisare su qualche tema. Si riscontrò una sorta di "collegamento" tra le parole annotate e la musica.