Il 10 Settembre 2016, sul palco più prestigioso della FIM 2016 Fiera Internazionale

della Musica, abbiamo invitato artisti diversi e proclamato un vincitore. Un evento

concentrato in 45 minuti che ha visto protagonisti musicisti dal genere classico al

metal. L’Una e Cinque ha cantato a cappella Autumn Leaves; Erika Zoi ha eseguito

due suoi brani al pianoforte e affrontato la tematica della musica applicata; Lorenzo

Rosbuco ha eseguito alla chitarra un difficile brano con la tecnica “percussive finger

style”, ovvero suonare la chitarra con l’aggiunta di percussioni fatte sulla chitarra

stessa; Riccardo Vizzino, virtuoso chitarrista metal sedicenne, ha eseguito un brano

da lui composto: Rain Heart Sonata; Francesco Camussi ha presentato il brano e il

videoclip di “You are the best”, che parla dei cosiddetti “bamboccioni”; il produttore

d “Moonlike Productions Paolo Rebellato”, ha spiegato il ruolo del produttore e molti

aspetti della produzione musicale. L’evento si è infine concluso con il vincitore:

Davide Berardi che ha cantato il brano “Indescrivibile” che ha presentato al

concorso.

Davide ha ricevuto la targa “Professione Talento” da Verdiano Vera, ll patron della

“Fiera Internazionale della Musica”, e ha vinto la produzione di un suo prossimo

inedito, attività che è stata svolta solo la settimana sucessiva al concorso dallo

stesso trio che si è inventato il premo: Erika Zoi, Paolo Rebellato (Moonlike

Productions” e Marco Andrioletti (Artes Media Project). Davide ha scelto il brano

“Giochi d’acqua” coinvolgendo nelle registrazioni Umberto Coviello, ottimo chitarrista

di Taranto. Con “Giochi d’acqua” si è presentato a altri due concorsi nelle

settimane successive e la soddisfazione è stata grande per tutti: ha ottenuto il

premio per il miglior brano e il miglior arrangiamento al “Premio degli Autori di San

Remo”, e poco dopo, il secondo posto alla finale di “L’artista che non c’è” al CPM di

Milano.

Professione Talento è stato un impegno significativo per tutti noi, ma certamente

motivo di grande soddisfazione. Voleva essere un riconoscimento alla professionalità

alla vocazione e al talento e se vogliamo anche alla fatica nell’affrontare un percorso

in campo artistico. Ci ha permesso di conoscere più da vicino una realtà di tante

persone che fanno “veramente” musica, alcune anche “in silenzio e di nascosto”.

Ringraziamo i tantissimi che ci hanno inviato le loro proposte musicali, scegliere il

vincitore è stato veramente difficile. Davide con il suo percorso, rappresenta tutti

coloro che fanno musica progettando un futuro, sognando e lavorando per

concretizzarlo, persone “poco social” e “un po’ nascoste”, che fanno musica con un’

energia e una motivazione che soltanto una profonda vocazione artistica può

permettere. Per questo il logo di professione talento rappresenta un artista

nell’ombra, non troppo visibile o riconoscibile. Un grazie a tutti, con l’augurio di

insistere e continuare ed impegnarsi a fare vera musica, anche “nell’ombra”. E’ e

rimarrà buona musica.

© Ass. Culturale Artes Media Project - Via Maria Vittoria 5 - 10123 Torino
AL FIM 2016 Un Premio alla vocazione musicale